Tour privato Trekking

Via Francigena del Sud: da Lecce ad Otranto

Salento - PugliaDifficoltà percorso:
Facile
Tour privato · TrekkingDurata: 8 giorniCodice: wg007

Cosa ti aspetta?

Un viaggio nel Salento più autentico e remoto, alla scoperta di storici monumenti cristiani e più antichi siti pagani.
Tra sacro e profano, percorreremo l’ultimo tratto della Via Francigena del Sud, il tracciato che pellegrini e crociati seguivano per poi imbarcarsi ad Otranto e raggiungere la Terra Santa.
Un cammino leggero ed intenso che segue, laddove possibile, le tracce della Via Traiano-Calabra.

  • Le Bianche Chiese di Lecce

  • Le Pajare delle Campagne Salentine

  • Il Monastero Cistercense di Martano

  • L’antico Santuario Ipogeo di Carpignano Salentino

  • La Cripta Bizantina della Madonna di Montevergine

  • Monumenti Funerari Preistorici

Itinerario

Giorno1

Benvenuti a Lecce

Arrivo a Lecce, sistemazione presso la struttura e incontro con l'accompagnatore per una breve presentazione della settimana.
A seguire saremo pronti a scoprire la capitale barocca del Salento. Tantissimi gli edifici religiosi e i palazzi storici che con le loro facciate decorate vi lasceranno a bocca aperta: da non perdere Piazza Duomo, una delle piazze più belle d'Italia. Testimonianze evidenti del passaggio dei pellegrini sono presenti presso la bellissima Chiesa della Trinità, quanto rimane del grande Ospedale dei Pellegrini costruito nel 1589, o all'ingresso dell'antico cimitero della città, nella Chiesa dei SS. Niccolò e Cataldo.

Giorno2

Lecce - Acquarica di Lecce

(circa 14km, 4 ore di cammino)

Salutando Sant’Oronzo e la possente colonna romana che un tempo segnava il termine della Via Appia, inizieremo il nostro cammino verso Otranto.
Dopo poco ci ritroveremo immersi negli intensi profumi e colori della macchia mediterranea. Oltrepassando la Masseria Visciglito, giungeremo nel borgo di Acaya, una delle poche cittadelle fortificate del periodo rinascimentale rimaste intatte in tutto il meridione.
Accompagnati dalle primitive costruzioni a secco tipiche del territorio salentino, le pajare, raggiungeremo Acquarica di Lecce, piccolo centro di origine messapica ed oggi frazione di Vernole.

Giorno3

Acquarica di Lecce - Martano

(circa 19km, 5 ore di cammino)

Dopo colazione continueremo il nostro cammino verso sud.
Tra muretti a secco e campi di terra rossa, attraverseremo il bosco di Calimera, antico residuo di un’estesa area verde fatta di carrubi e querce che nasconde ancora la piccola chiesa romanica di San Vito. Tra gli alberi incontreremo anche i primi due megaliti del viaggio, i piccoli dolmen di Gurgulante e Placa, preistorici monumenti sepolcrali riservati ai personaggi importanti delle tribù che un tempo abitavano queste terre. Oltrepassando l’agro di Calimera, arriveremo a Martano, la meta finale di questa giornata. Saremo oramai nel pieno della Grecìa Salentina. In periferia, poco prima del centro storico di Martano, ci sarà ad aspettarci il monastero dei monaci cistercensi. La comunità monastica è rimasta fedele alla regola benedettina (ora et labora), adoperandosi nella coltivazione di frutteti, agrumeti ed oliveti.
Oltre all'ampia raccolta di libri e l'interessante pinacoteca, i monaci conservano una fornita raccolta di erbe medicinali salentine.

Giorno4

Martano - Cannole

(circa 12km, 3 ore di cammino)

Lasciato il caratteristico centro storico di Martano, simile per i suoi caratteri orientali alla chora bizantina, proseguiremo verso Carpignano Salentino percorrendo l’antica carraia che costituiva parte dell’antico asse viario Traiano-Costantiniano.
Carpignano Salentino ci stupirà per i suoi importanti beni di carattere religioso; tra tutti spicca il Santuario Ipogeo di Santa Cristina, famoso per gli affreschi bizantini più antichi della Puglia. Seguendo le tracce della Via Traiana, incontreremo due importanti punti di riferimento del pellegrino medievale: le masserie di Anfiano e Cerceto.
Sempre immersi nella natura delle piccole pinete, uliveti e muretti a secco, arriveremo a Cannole, uno dei borghi più belli d’Italia.

Giorno5

Cannole - Muro Leccese

(circa 16km, 4 ore di cammino)

Di primo mattino riprenderemo il cammino verso il casale medievale dimenticato di Palanzano.
Oggi i ruderi della masseria conservano solo il ricordo di quella che doveva essere una delle rare chiese a due absidi descritta da Cosimo de Giorgi alla fine dell’Ottocento. Con Palanzano abbandoneremo definitivamente il percorso della Via Traiano-Calabra per salire sulla collinetta che ospita il Santuario della Madonna di Montevergine, tutt’ora meta di pellegrinaggio: il tempio moderno nasconde al suo interno una cripta bizantina affrescata con una Madonna in pieno stile bizantino.
L’ultimo tratto del percorso ci condurrà a Muro Leccese, meta finale di oggi.

Giorno6

Muro Leccese - Casamassella

(circa 14km, 3,5 ore di cammino)

Dopo un ultimo sguardo alla Piazza del Popolo di Muro Leccese, ai suoi barocchi edifici e alla piccola chiesetta bizantina dedicata a Santa Marina, potremmo incamminarci verso il Giardino Megalitico d'Italia. L’itinerario odierno rievoca riti e leggende, miti e culti pagani legati ai popoli che nei millenni hanno abitato ed attraversato queste terre. Si parla di luoghi incantati come il grande Masso della Vecchia, il piccolo e sperduto dolmen Stabile, il menhir di San Paolo. Giunti a Giurdignano e oltrepassata la centralissima e spesso assolata piazza del Municipio, mancherà poco per raggiungere la Fondazione Le Costantine, masseria promotrice di varie attività sociali che spaziano dall'agricoltura biodinamica alla produzione artigianale di rari tessuti.

Giorno7

Casamassella - Otranto

(circa 15km, 4 ore di cammino)

L’ultima tappa di questo pellegrinaggio in Terra d’Otranto, ci porterà alla scoperta degli splendidi paesaggi incontaminati riconoscibili anche nel capolavoro di Maria Corti, "L’ora di tutti".
Prima di raggiungere la cittadina di Otranto, passeremo per il faro della Palascìa, la punta più ad oriente d’Italia: da qui, quando il vento di tramontana soffia forte ed il cielo schiarisce, sono ben visibili i monti dell'Albania, le cui sponde distano solo 70 chilometri circa. Risalendo la costa incontreremo i ruderi dell’antica Abbazia di Casole e concluderemo il nostro percorso con l’ultimo stupore naturalistico regalato dal Lago azzurro, una cava di bauxite dismessa dove acque di risorgiva hanno dato vita ad un microambiente dai colori magici.
Gli ultimi passi ci porteranno finalmente ad Otranto e dal porto potremo immaginare le antiche galee in partenza verso oriente.

Giorno8

Arrivederci da Otranto

Le ultime ore ad Otranto consigliamo di riservarle alla visita della piccola Basilica bizantina di San Pietro o della maestosa Cattedrale di Santa Maria Annunziata; quest’ultima conserva infatti uno dei più importanti mosaici d’Italia, il cosiddetto Albero della vita, opera simbolica che raccoglie, come un libro antico, le leggende e i simboli delle tradizioni medievali di Oriente e Occidente.

Periodo e prezzi

a partire da01/04/2019 => 30/10/2019

Informazioni Pratiche

Caratteristiche tecniche

L'itinerario è adatto a chiunque abbia un minimo di allenamento a camminare. La lunghezza delle tappe va da un minimo di 12 ad un massimo di 19 km, con dislivelli e percorsi facili e tempi di percorrenza tra le 3 e le 5 ore.
Le escursionisi snodano tra sentieri e stradine di campagna, con alcuni rari ma indispensabili passaggi su strade trafficate.
Consigliamo di attrezzarsi di scarpe comode ed adatte al trekking, cappellino, acqua, crema solare e impermeabile in caso di pioggia.

Sistemazione e pasti

1 notte a Lecce
1 notte ad Acquarica di Lecce
1 notte a Martano
1 notte a Cannole
1 notte a Muro Leccese
1 notte a Casamassella
1 notte a Otranto

Proponiamo il pernottamento in strutture adatte alle vostre esigenze, prediligendo quelle più autentiche e a conduzione familiare, quanto più vicine ai centri storici, facendo particolare attenzione alla pulizia delle camere, alla cortesia del personale e alle colazioni.
Per questo tour potrete richiederci il pernottamento in: hotel 3/4*, B&B e masserie, in camere doppie con bagno.
A vostra richiesta possiamo includere i pranzi e le cene. Suggeriamo pranzi al sacco, per meglio vivere ed immergersi nel contesto naturalistico; proponiamo cene dai sapori locali, in ambienti tipici ed autentici.

Assistenza

Sarete accompagnati per tutta la durata del viaggio da un nostro accompagnatore locale, esperto conoscitore dell'itinerario, coordinatore del gruppo ed amante del viaggio, della natura e del territorio visitato. Sarà sempre al vostro fianco, diventando un vostro compagno e cercando di soddisfare le esigenze del gruppo, stando comunque attento alle singole richieste. Sarà il vostro mediatore, facilitando e favorendo una vacanza autentica, rilassante e divertente.

Come arrivare

Lecce è facilmente raggiungibile con auto, treno, autobus o aereo.

TRENO:
Trenitalia collega le maggiori città italiane con il capoluogo salentino. Per consultare gli orari visita il sito www.trenitalia.it. Per conoscere soppressioni o aggiunte di fermate, cancellazioni, ritardi, deviazioni di percorso e molte altre informazioni utili per chi viaggia in treno con Trenitalia, consultare www.viaggiatreno.it.

AEREO:
I due aeroporti di riferimento sono quelli di Bari e Brindisi con voli in partenza dalle più importanti città italiane e straniere.
L'aeroporto del Salento di Brindisi dista circa 40 km da Lecce ed è ben collegato alla città con un servizio di bus navette o transfer privati. L'aeroporto di Bari-Palese dista invece circa 160 km da Lecce. Da Bari e Brindisi è possibile raggiungere Lecce con il treno o con un servizio taxi.

AUTOBUS:
Lecce è raggiungibile anche con l'autobus. Tra le maggiori compagnie che operano il servizio e dove è possibile chiedere informazioni per orari e costi ci sono Marinobus e Baltour.
Per partenze e arrivi da Campania, Basilicata, Puglia c'è la Miccolis.
Per partenze e arrivi dalla Sicilia info e biglietti su Buscenter.

AUTO:
Le autostrade principali da considerare sono la A14 Bologna-Taranto e la A16 Napoli-Canosa. Consigliamo di lasciare l’autostrada all’altezza di Bari per proseguire lungo la superstrada fino a Brindisi e poi continuare sulla SS613 fino a Lecce. google.maps.com può essere d'aiuto.

Richiedi preventivo

Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Valore non valido
Valore non valido
Accettare la privacy
Validare il codice recaptcha

Quota

La quota a persona dipende dai servizi inclusi nel pacchetto, dal tipo di sistemazione e dal periodo scelto.
Richiedici un preventivo gratuito.