Individuale Trekking

Magna Via Francigena: a piedi da Palermo ad Agrigento

SiciliaDifficoltà percorso:
Medio
Individuale · TrekkingDurata: 8 giorniCodice: ws014
da 710 €a persona

Cosa ti aspetta?

Sicilia: la storia è passata da qui!
É figlia di 25 secoli di dominazione straniera: Greci, Romani, Bizantini, Musulmani e Normanni hanno lasciato il segno del loro passaggio.
Le arterie viarie siciliane hanno storicamente costituito il luogo di incontro fra le varie culture, il punto di contatto fra popoli e genti, il percorso da seguire per raggiungere una destinazione. Il sistema viario romano venne creato per connettere l’Impero, ma successivamente tale sistema divenne francigeno, in quanto sotto il controllo amministrativo e politico dei franchi.
La Magna Via Francigena collega Palermo ad Agrigento, ed attraversa la Sicilia da nord a sud, dal Mar Tirreno al Mar Mediterraneo.
Da Palermo si raggiunge il feudo agricolo di Corleone immerso nel latifondo siciliano. Il percorso si inerpica quindi nel Parco Regionale dei Monti Sicani, e poi nella Valle del Fiume Platani. Da qui Sutera, uno dei borghi più belli d’Italia, e Racalmuto, patria di Sciascia, passando tra i Castelli Chiaramontani. Dalla stazione di Aragona Caldare, frequentata in passato dai minatori di zolfo, si arriva in treno nella mitica Agrigento.

  • Palermo, magica metropoli del Sud

  • Corleone, un paese rinato

  • Antiche roccaforti e spettacolari monasteri

  • Racalmuto, il paese di Sciascia

  • Percorsi nelle Riserve Naturali di Sicilia

  • Agrigento, museo a cielo aperto

Itinerario

Giorno1

Benvenuti in Sicilia. Palermo, Monreale e Santa Cristina Gela

opzione: 5km, 1,5h, +110m -110m

Trasferimento privato da Palermo centro o aeroporto fino a Santa Cristina Gela, dove trascorrerete la prima notte.
In questo paesino di origini albanesi, che conserva costumi, tradizioni e lingua arbëreshë, è consigliata una pausa-cannolo per assicurarsi una buona dose di energia!
Possibilità di stop a Monreale per la visita della stupenda cattedrale (a seconda dell’orario di apertura).
Inoltre avrete l’opportunità di percorrere i prima passi lungo la Magna Via Francigena. Infatti potrete essere trasferiti a Piana degli Albanesi e da lì raggiungere Santa Cristina a piedi (5km, 1,5h, +110m -110m) ... non prima di aver assaggiato i gustosissimi Iris alla ricotta presso una delle pasticcerie del centro!
Se volete eseguire per intero la giornata si consiglia di prenotare una notte aggiuntiva a Palermo, così da partire presto la mattina dopo colazione e, non di meno, aver l’opportunità di visitare il magnifico capoluogo siciliano.

Giorno2

Da Santa Cristina Gela a Corleone

25km, 6h, +600m -750m

Dopo colazione inizierete il vostro primo vero giorno sulla Magna Via Francigena.
Un lago che abbraccia un’intera valle, l’antico latifondo una volta considerato il granaio di Roma, masserie e monasteri: la giornata odierna svela l’incanto del pellegrinaggio in terra siciliana. Naturale sfondo della giornata sarà il Bosco della Ficuzza e Rocca Busambra, una delle Riserve Naturali della Regione Sicilia. Presso il suggestivo Monastero di Tagliavìa, a circa 13 km dalla partenza, potrete ristorarvi e riempire le borracce.
Seguirete per Corleone, paese noto per fatti di mafia, ma ricco anche di storia e di chiese: è rinomato il Monastero dei Frati Francescani Minori Rinnovati, posto su una rocca inaccessibile al centro del paese. La storia attuale parla di giovani che, sia in agricoltura che nelle attività turistiche, riscattano con successo l’immagine del territorio.
A tal proposito meritano una visita il Laboratorio della legalità, sito in uno dei beni confiscati al boss Bernardo Provenzano, ed il CIDMA (Centro Internazionale di Documentazione sulla Mafia e dell’Antimafia).

Giorno3

Da Corleone a Prizzi

19km, 5h, +750m -350m

Il Parco dei Monti Sicàni si apre dinanzi al pellegrino: siti archeologici e boschi incontaminati raccontano la storia del popolo dei Sicàni che hanno dato il nome Sikània all’isola.
La Magna Via Francigena che collega Corleone a Prizzi, è una trazzera regia da sempre percorsa dalle genti che hanno abitato questa parte umida e boscosa della Sicilia: spesso i sentieri delle transumanze e di viabilità principali e secondarie hanno coinciso con il percorso dei pellegrini.
Quando i Greci arrivarono in Sicilia tra l’VIII e il VII sec. a.C. entrarono in contatto con le popolazioni autoctone che già abitavano questa terra: Elìmi ad occidente, Sicàni al centro e Siculi ad oriente. Cozzo Spoletino ed Hippàna sono centri indigeni ellenizzati e successivamente nel III sec a.C. romanizzati in occasione della prima guerra punica.
Il cammino custodisce e rivela la storia ai viandanti che sanno leggerla.

Giorno4

Da Prizzi a Cammarata

19/25km, 4,5/5,5h, +450/550m -550/800m

Lasciando Prizzi alle vostre spalle, quest’oggi attraverserete la Riserva Naturale Orientata Monti Carcaci, tra zone umide e boschi, percorrendo un paesaggio ricco di biodiversità.
Alla fine della vostra camminata raggiungerete Castronovo di Sicilia. Kars-nubu per gli arabi, questa "rocca fortificata" è divenuta Castrum per i normanni. Il paesino ha una lunga cinta muraria che protegge il centro abitato ed i luoghi di culto. Toponimi e costruzioni che lasciano intendere quanto Castronovo di Sicilia sia da sempre stata una tappa strategicamente importante lungo il cammino della Magna Via Francigena tra Palermo ed Agrigento
Dopo una visita del centro abitato, trasferimento a Cammarata per il pernottamento.
Su richiesta è possibile accorciare la tappa odierna da 29 a 15km.

Giorno5

Da Cammarata a Sutera

20km, 5h, +700m -750m

Il fiume Platani nutre questa terra, la sua valle è ricca di pascoli e frutti di origine orientale come i verdi pistacchi e le succose pesche di montagna.
State per entrare nella Provincia di Caltanissetta. Casali e masserie sono luoghi di pausa lungo il cammino. Il rabad, “sobborgo fuori dalle mura”, di Sutera vi attende. Il quartiere arabo ràbato, pieno di vicoli e casupole, prende vita durante le feste natalizie con il presepe vivente.
Il Santuario di San Paolino sulla rocca monolitica gessosa di Sutera merita certamente una visita … riuscite a vedere il vulcano Etna?! 
Anche oggi si può ridurre la tappa da 20 a 13km con un breve transfer all'inizio della giornata.

Giorno6

Da Sutera a Racalmuto

22km, 6h, +750m -900m

La storia continua a mostrarsi ai viandanti: il ponte romano di Campofranco, le tombe sicane a thòlos di Milena, gli insediamenti del Neolitico (5000 a.C.) di Serra del Palco.
Le genti, da sempre in cammino su queste terre, hanno deciso nei secoli di insediarsi in questo territorio.
La vostra destinazione giornaliera è Racalmuto, il paese delle miniere di zolfo e di Leonardo Sciascia.

Giorno7

Da Racalmuto a Agrigento

13km, 3,5h, +250m -400m

Penultimo giorno: i passi si fanno più lenti, un po’ per la stanchezza, ed un po’ per paura che tutto finisca troppo presto!
La terra odora di zolfo da queste parti, e le miniere ve lo raccontano. Lungo il cammino la Petra di Calathansuderj, roccaforte bizantino-araba-normanna, vi indica la direzione per Aragona.
Arrivati alla fine di questo fantastico cammino a piedi sulla Magna Via Francigena, prenderete un treno e raggiungerete Agrigento per la vostra ultima notte.

Giorno8

Arrivederci Agrigento!

Ecco la dorata costa sud, il mar Mediterraneo, cioè il mare di tutte le genti, la rocca di Agrigento con la sua cattedrale. Il cammino è finito … o forse è appena iniziato!
Non mancate il Monastero di Santo Spirito per assaporare le leccornie delle suore di clausura e certamente non perdete la Valle dei Templi, dove il culto del divino si preserva e si svela da tempo immemore. 

 

Variazioni del programma
A causa delle condizioni meteorologiche, di motivi organizzativi, di disposizioni emanate dalle autorità locali, l'itinerario potrebbe subire alcune modifiche prima e/o durante la vacanza. Lungo la strada si possono trovare deviazioni temporanee (ad esempio lavori stradali) che non possono essere previste; in questo caso ogni trekker può decidere autonomamente come affrontare questi tratti.

Il viaggio include

Incluso

  • 7 pernottamenti con colazione
  • Transfer privato giorno 1 e 4
  • Trasporto bagagli
  • Pacchetto informativo
  • App GPS offline per smartphone (su richiesta)
  • Assistenza 8:00-21:00
  • Assicurazione medico-bagaglio

Non incluso

  • Viaggio a/r
  • Pasti e bevande
  • Transfer pubblico giorno 7
  • Ingressi e mance
  • Tassa di soggiorno
  • Quanto non indicato in “Incluso”

Periodo e prezzi

Media Stagione01/03/2020 => 30/10/2020
Standard735 € /p
Bassa Stagione01/03/2021 => 26/03/2021
Standard710 € /p
Alta Stagione27/03/2021 => 05/04/2021
Standard765 € /p
Media Stagione06/04/2021 => 24/06/2021
Standard745 € /p
Alta Stagione25/06/2021 => 25/07/2021
Standard765 € /p
Media Stagione26/07/2021 => 25/10/2021
Standard745 € /p
Bassa Stagione26/10/2021 => 12/11/2021
Standard710 € /p

Supplementi

Transfer Aeroporto-Palermo (min 2 pax)
Standard35 € /p
Transfer Agrigento-Palermo (min 2 pax)
Standard95 € /p
Viaggiatore singolo
Standard260 € /p
Camera singola - Bassa Stagione
Standard150 € /p
Camera singola - Media Stagione
Standard160 € /p
Camera singola - Alta Stagione
Standard170 € /p

Informazioni Pratiche

Caratteristiche tecniche

Le escursioni si snodano tra sentieri sterrati e stradine di campagna, con rari attraversamenti su strade trafficate ed alcuni brevi passaggi su canali d'acqua.
Consigliamo di attrezzarsi con scarpe comode ed adatte al trekking, cappellino, acqua, crema solare, costume da bagno e impermeabile in caso di pioggia.
L’itinerario è studiato per offrire in combinazione natura e cultura, prevedendo allo stesso tempo una buon livello di confort.
La conformazione morfologica dell’itinerario prevede dei notevoli dislivelli da affrontare giornalmente, per cui il tour è adatta a chiunque abbia un buon allenamento a camminare. La lunghezza delle tappe va da un minimo di 12 ad un massimo di 25km, con tempi di percorrenza tra le 3 e le 6 ore circa.

Sistemazione e pasti

Il tour prevede pernottamenti in B&B centrali ed hotel 3* selezionati.
Tutte le stanze hanno il bagno in camera.

1 notte a Santa Cristina Gela, Albergo Belvedere
1 notte a Corleone, Hotel Leon d’Oro
1 notte a Prizzi, Ospitalità Diffusa La Casa di Kokalo
1 notte a Cammarata, Hotel Halykos
1 notte a Sutera, B&B Piazza / B&B Poggio Accogliente
1 notte a Racalmuto, Regalpietra hotel
1 notte a Agrigento, Palazzo del Teatro

Eventuale notte extra a Palermo, Locanda Sette Fate.

7 colazioni incluse. Nessun altro pasto è compreso nella quota.

Assistenza

Ci occuperemo del trasporto dei vostri bagagli e, in caso di necessità, potrete chiamare il nostro numero di emergenza attivo dalle 8 alle 21. In qualsiasi momento il nostro staff sarà a disposizione per rendere la vostra vacanza serena e tranquilla.

Pacchetto informativo

In loco riceverete il vostro Pacchetto Informativo, contenente i seguenti documenti:

  • Lista Servizi aggiornata;
  • Vouchers da consegnare ai nostri partner;
  • Etichette bagagli da applicare alle vostre valigie;
  • Roadbook cartaceo con mappe.
Come arrivare

AEREO. L’Aeroporto di Palermo Falcone e Borsellino è ben collegato con le più importanti città italiane e straniere.
L’aeroporto dista circa 35km dalla città ed è ben collegato con servizio bus delle Autolinee Prestia e Comandè. Il costo delle singola tratta è di € 6,00. Maggiori informazioni al seguente link www.prestiaecomande.it.
E’ inoltre stato riattivato il servizio trasporto da e per l’aeroporto, per informazioni ed orari fare riferimento al seguente link del sito www.trenitalia.com.

Se preferite viaggiare in totale comfort, potete prenotare un trasferimento privato con noi.

TRENO. E’ possibile raggiungere il capoluogo siciliano direttamente in treno con servizio di Trenitalia. Da Milano occorrono dalle 15 alle 20 ore di viaggio, con 1 o due cambi; da Roma circa 11/12 ore, anche con linea diretta.

AUTOBUS. Palermo è raggiungibile anche con l’autobus. Ecco di seguito le maggiori compagnie che operano il servizio: Marinobus, Flixbus, Sais autolinee, Buscenter.

AUTO. Se volete arrivare a Palermo in auto, potete pensare di utilizzare i comodi collegamenti marittimi in partenza da Napoli, Livorno, Genova, Tunisi. 
Attraversando invece lo stretto di Messina, si imbocca la A20 Messina-Palermo, percorso molto suggestivo ma molto trafficato.

Rientro a Palermo

Da Agrigento, ultima tappa della Magna Via Francigena, è possibile raggiungere Palermo utilizzando i collegamenti regionali delle Ferrovie dello Stato. Il biglietto della corsa in treno è di 9,00 €; il tempo di percorrenza è di circa 1h50. Le corse si riducono durante la Domenica e i giorni festivi.

Richiedi preventivo

Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Compilare correttamente questo campo
Valore non valido
Valore non valido
Accettare la privacy
Validare il codice recaptcha