La Puglia, antica terra messapica, è stata un crogiolo di popoli e di culture che hanno coabitato per secoli in questa stretta striscia di terra.
Per lungo tempo epicentro dei traffici mercantili del Mediterraneo, il Tacco d’Italia ha una storia incredibile, di cui le testimonianze sono infinite e meravigliano tuttora. Tra queste, l’esistenza di colonie ebraiche in Italia meridionale già al tempo della Roma repubblicana.

Un viaggio sulle tracce della presenza ebraica in Puglia nel corso dei millenni ti permetterà di scoprire un volto nuovo di questa regione incredibile, che sa sempre come sorprendere.

Così come le immagini cambiano a seconda della prospettiva attraverso cui le si catturano, allo stesso modo le storie assumono sfumature diverse a seconda del narratore che le racconta. Abbiamo pensato di proporre un tour in cui esploriamo la Puglia ebraica, seguendo una prospettiva insolita in cui i segni della cultura ebraica diventano protagonisti e narratori della nostra storia.

Il mondo ebraico in Puglia: una storia antichissima

In Puglia si possono rinvenire tracce antichissime della presenza ebraica: la posizione strategica di questa regione del Sud Italia l’ha resa da sempre crocevia di popoli, costumi e tradizioni, che oggi ne arricchiscono il patrimonio storico, artistico e culturale.

La presenza di comunità ebraiche nel Sud Italia si può attestare già ai tempi dell’antica Roma, quando gli ebrei vi arrivavano attraverso i porti di Brindisi e Pozzuoli. Rimanevano poi in terra d’Otranto, come liberi cittadini o come schiavi impiegati nella coltivazione dei latifondi romani. In particolare, la presenza degli ebrei in Puglia si consolidò dopo la distruzione di Gerusalemme avvenuta nel 70 d.C. per opera dell’imperatore Tito.

Queste comunità crebbero e si svilupparono nel tempo, integrandosi con le popolazioni locali, ma continuando a preservare la propria lingua, la propria cultura, la propria religione, le proprie tradizioni. Questo ha fatto sì che oggi siano ancora visibili le testimonianze di questi importanti insediamenti.

In tempi ben più recenti, nell’immediato secondo dopoguerra, la Puglia è diventata nuovamente un punto di riferimento per le comunità ebraiche. I sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti trovarono rifugio nei campi di accoglienza allestiti dall’UNRRA presso le coste del Salento. Si trattava di un momento di transizione, in attesa di ritornare nei propri Paesi e ricominciare a vivere, ma anche questo passaggio ha lasciato preziosissime testimonianze che meritano di essere approfondite. Abbiamo preso spunto da un film documentario, “Rinascere in Puglia” di Yael Katzir, per organizzare un tour che ripercorra le tracce della Puglia Ebraica.

Alla scoperta della Puglia Ebraica

Noi di Slow Active Tours abbiamo studiato nel dettaglio un itinerario tematico attraverso i luoghi più significativi della Puglia, che consente di ripercorrere le tracce lasciate dagli Ebrei in questa regione nel corso dei millenni.

Il punto di partenza del tour è Trani, un’incantevole cittadina che si affaccia sul mar Adriatico, il cui patrimonio storico preserva egregiamente la memoria della comunità ebraica che vi ha vissuto. In epoca medievale, infatti, la città ospitava un’importante comunità ebraica: oggi si può ancora visitare il Quartiere Ebraico, dove spicca la Sinagoga di Scolanova, splendido esempio di architettura romanica e il tempio ebraico più antico in Europa. Oltre alla Giudecca e al suggestivo centro storico, a Trani potrai anche visitare il Museo Ebraico.

Da Trani a Lecce

Dopo aver visitato Trani, uno dei più bei centri ancora intriso di cultura ebraica, è il momento di andare più a Sud, verso Lecce. Prima di giungere nel capoluogo del Barocco salentino, potrai visitare il Castel del Monte, uno dei più bei tesori del patrimonio storico d’Europa, fatto costruire da Federico II di Svevia. Dopodiché, avrai la possibilità di fare tappa ad Alberobello, l’incantevole borgo fiabesco famoso per i suoi tipici trulli.

Entrambi questi siti sono stati riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Una volta giunti a Lecce, si ritorna sulle tracce della cultura ebraica. La bella cittadina del Salento ha tanto da offrire dal punto di vista architettonico, grazie alla presenza di numerosi palazzi e chiese in stile Barocco. Non a caso, Lecce è conosciuta come la “Firenze del Sud”. In particolare, però, la scelta di questa tappa per il nostro tour è dettata anche e soprattutto da un altro motivo: qui, infatti, potrai visitare la Via della Sinagoga, il Quartiere Ebraico e il Museo Ebraico.

Puglia: terra di rinascita per le comunità ebraiche

Un fatto storico poco conosciuto, ma che ha avuto un’importanza cruciale per gli Ebrei, si colloca nel periodo immediatamente successivo alla fine della Seconda Guerra Mondiale. I sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, in attesa di tornare nei propri Paesi, furono inseriti in un sistema di accoglienza gestito dall’UNRRA (United Nations Relief and Rehabilitation Administration).

In Puglia, che fu uno dei primi territori ad essere liberato dall’occupazione nazista, si istituirono diversi “campi profughi” temporanei per sistemare rifugiati di varie etnie, tra cui anche gli Ebrei. Nel Salento furono selezionate delle località che oggi sono molto popolari dal punto di vista turistico: parliamo di Santa Maria al Bagno, Santa Maria di Leuca, Santa Cesarea Terme e Tricase Porto.

Il nostro tour passa per questi luoghi, dove si possono ancora rinvenire le tracce del passaggio dei profughi nelle splendide ville ottocentesche e nelle case di villeggiatura sequestrate ai proprietari durante la guerra. A Santa Maria di Leuca, in particolare, la Colonia Scarciglia era stata adibita a ospedale e vide la nascita di diversi figli di rifugiati, tra cui Shuni, Ester e Rivka, che sono volute ritornare in questi luoghi, ispirando il film documentario di Yael Katzir.

Un tour ricco di esperienze

Un tour tematico arricchisce sempre più di una semplice vacanza: avrai modo di approfondire storia, cultura, tradizioni antiche, ma anche di scoprire posti bellissimi.

Il tour che ti proponiamo alla scoperta della Puglia Ebraica passa per località turistiche apprezzatissime in tutto il mondo: Otranto, Gallipoli, Galatina, Ostuni e tante altre!

Non possiamo, poi, farci mancare, come in ogni nostro tour, delle esperienze enogastronomiche. In particolare, avrai la possibilità di degustare vini kosher presso la cantina Leuci Winery a Guagnano e dell’eccellente olio extravergine d’oliva presso una tipica masseria pugliese.

Puoi personalizzare il tour a seconda delle tue personali esigenze, usufruendo del nostro supporto prima e durante il viaggio.

Slow Active Tours

Il tuo viaggio a sud

Nature, emotion & art

Scegli la tua vacanza attiva

Recensioni

Ultime dal Blog

Camminare in Italia: le migliori vacanze facili a piedi

Il territorio italiano è un vero e proprio scrigno di tesori inestimabili: ogni regione vanta un...
22.07.2020

Contatti

Slow Active Tours

Via Corrado Alvaro, 17a

73100 - Lecce, LE - Italia

P.IVA 04615750751

Tel: +39 0832 1826868

info@slowactivetours.com