Area ricca di formazioni carsiche non superiori a 700 metri sul livello del mare: le Murge rappresentano idealmente la parte centrale della Puglia, e comprendono parte delle province di Bari, Barletta-Andria-Trani, Taranto e Brindisi. La caratteristica principale di questa zona è senza dubbio la presenza di un paio di colline terrazzate che creano una diagonale tra nord-ovest e sud-est. L’insolito nome di questo luogo deriva dalla lingua latina, dove la parola Murex, che indica una “pietra tagliente”, è stato appositamente scelto per nominare questo particolare altopiano della Puglia: la diffusa presenza di roccia calcarea ha originato diversi fenomeni carsici come doline, lame, canyon e grotte. Qui il territorio si caratterizza anche per la completa assenza di corsi d’acqua superficiali permanenti e appare come una regione secca, bruciata dal sole e quasi sterile. Le Murge sono in realtà ricche di corsi d’acqua sotterranei che danno vita a numerose falde acquifere sfruttate oggi per irrigare i campi.

           

Viaggio a passo lento alla scoperta di un territorio che cerca di mantenere il suo antico equilibrio tra uomo e natura, puntando su uno sviluppo locale che rimarca le sue peculiarità architettoniche ed artigianali.

           

 Partenze: dal 27.05 al 03.06.2017; dal 30.09 al 07.10.2017

Un viaggio in bici tra Puglia e Basilicata per scoprire le meraviglie dei siti Unesco di Castel del Monte, Matera ed Alberobello, ed apprezzare un territorio che conserva i segni di secoli di storia ed una natura inaspettata.

           

Un percorso ciclabile ideato per collegare i tre siti Unesco di Castel del Monte, Matera ed Alberobello, senza trascurare altri aspetti di un territorio che custodisce al suo interno non solo testimonianze di notevole interesse storico, archeologico e paleontologico, ma anche fenomeni ambientali e paesaggistici di grande rilievo.

           

un'esperienza di cicloturismo nel cuore verde della Puglia, pedalando nella Valle dei Trulli e ai confini del Parco delle Dune Costiere. Un giro ad anello seguendo i dolci sali e scendi delle Murge meridionali, ai margini della piana salentina.

           

La Valle d’Itria in versione autunnale sorprende, e il ponte d’Ognissanti offre l’occasione giusta per rendersene conto in sella ad una bicicletta.

           

C'è chi dice che in Puglia si piange tre volte: “quando si arriva, quando si parte e quando ci si pesa sulla bilancia”. Sì, perché è impossibile resistere all'olio buono sul pane caldo; al profumo di focacce e biscotti appena sfornati che ti assale ad ogni angolo; al vino fruttato e morbido che ti fa rivivere il calore del sole salentino; al sugo delle mozzarelle fiordilatte o all'inimitabile piatto di fave e cicorie.